Riduzione dell’inquinamento nel trasporto marittimo. Arriva il nuovo accordo dell’IMO

Il 16 aprile 2018 la Commissione europea ha pubblicato una relazione sull’attuazione e sul rispetto delle norme relative al tenore di zolfo dei combustibili per uso marittimo di cui alla direttiva 2016/802/UE relativa alla riduzione del tenore di zolfo di alcuni combustibili liquidi. La relazione ha illustrato i progressi costanti compiuti dagli Stati membri e dall’industria marittima nell’implementare le norme previste dalla direttiva che hanno portato a una significativa riduzione delle emissioni di zolfo prodotte dalle navi.

La relazione segue l’approvazione da parte dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO), avvenuta il 13 aprile 2018, di alcune modifiche all’allegato VI della Convenzione internazionale per la prevenzione dell’inquinamento causato da navi (Convenzione MARPOL) che vieta il trasporto di olio combustibile contenente quantità di zolfo superiori a un determinato limite. Tali modifiche mirano a garantire l’attuazione uniforme del limite dello 0,50% di zolfo nei carburanti marittimi a partire dal 2020.

Nella stessa data, l’IMO ha adottato la sua strategia per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra originate dal trasporto marittimo internazionale, che mira a tagliare le emissioni annuali di gas a effetto serra di almeno il 50% rispetto ai livelli del 2008 entro il 2050.

Ulteriori informazioni sono disponibili al seguente LINK.

 

Davide Scavuzzo

Share: