Anno europeo delle ferrovie. L’iniziativa della Commissione per un trasporto sostenibile e sicuro

In data 1o gennaio 2021 è iniziato l’Anno europeo delle ferrovie, l’iniziativa della Commissione volta ad incoraggiare e sostenere l’impegno dell’Unione, degli Stati Membri e di molteplici stakeholders per incrementare la quota di passeggeri e merci trasportati su ferrovia. Sebbene il trasporto ferroviario sia all’origine di meno dello 0,5% delle emissioni di gas a effetto serra connesse ai trasporti in Europa, infatti, attualmente solo il 7% dei passeggeri e l’11% delle merci viaggiano su rotaia.

Parte della strategia per un trasporto europeo sostenibile e sicuro, e degli sforzi dell’Unione per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 come previsto dal Green Deal europeo, l’iniziativa mira a promuovere il trasporto ferroviario quale modo di trasporto sostenibile, innovativo, interconnesso, intermodale, sicuro e conveniente attraverso una serie di attività che si svolgeranno in tutto il continente, mettendone in luce le molteplici dimensioni, e che saranno sostenute da un finanziamento di almeno 8 milioni di euro dal 1o gennaio 2021 al 31 dicembre 2022.

Più particolarmente, la promozione del trasporto ferroviario avrà luogo attraverso eventi e progetti quali, tra gli altri, i) iniziative negli Stati Membri volte ad incentivare la scelta del treno per i viaggi d’affari nel settore sia pubblico che privato e per gli spostamenti dei pendolari, che costituiscono circa l’80-90% di tutti i passeggeri del trasporto ferroviario, ii) la condivisione delle esperienze e delle best practice delle autorità nazionali, regionali e locali e dei vari stakeholders in merito alla promozione dell’uso delle ferrovie e alle modalità per modificare i comportamenti a tutti i livelli, iii) attività che permettano di far conoscere lo spazio ferroviario europeo unico e ne facciano comprendere l’importanza, e iv) progetti per la realizzazione di un’infrastruttura ferroviaria ampliata, modernizzata e interoperabile.

La Commissione, inoltre, prenderà in considerazione l’avvio di uno studio sulla fattibilità della creazione di un’etichetta europea per promuovere le merci e i prodotti trasportati su rotaia nonché di uno studio di fattibilità in vista dell’introduzione di un indice di connettività ferroviaria.Entro il 31 marzo 2021, la Commissione informerà dei suoi piani il Parlamento europeo e il Consiglio, trasmettendo loro, entro il 31 dicembre 2022, una relazione sull’attuazione, sui risultati e sulla valutazione generale delle iniziative intraprese.

Marco Stillo

Share: